PROGETTI DI INTERVENTO IN AMBITO SCOLASTICO

Dott.ssa Giada Piraccini


PREMESSA
La complessità delle relazioni tra insegnanti, allievi e genitori può richiedere l’intervento di un terzo, specialista della psicologia delle relazioni, che faciliti la comunicazione verso un miglioramento delle prestazioni e del benessere delle persone.
La scuola può offrire ai suoi utenti l’ambiente ideale per la condivisione delle esperienze e per la crescita di tutti i suoi membri.
L’offerta della psicologia alle necessità scolastiche è vasta e deve essere tagliata sulle specifiche situazioni: i progetti che seguono sono alcuni esempi del contributo che lo psicologo può dare alle domande che provengono dalla scuola: disagio scolastico, bullismo, iperattività, educazione all’affettività, integrazione dell’alunno disabile e degli stranieri.

PERCORSI PER GLI INSEGNANTI
I Percorsi per gli Insegnanti sono rivolti a gruppi di professionisti che desiderano confrontarsi con lo specialista e con i colleghi sulle difficoltà che incontrano nell’ambiente scolastico.
Possono essere orientati a migliorare la prestazione del gruppo di lavoro verso una migliore collaborazione, alla soluzione dei problemi in un’ottica di proattività.

Maestra, sto male! FRONTEGGIARE IL DISAGIO DEL BAMBINO/ADOLESCENTE:
l’insegnante può essere una figura molto importante nel riconoscere il disagio del bambino. Se un allievo sta vivendo una situazione difficile o psicologicamente dolorosa può rivolgersi all’insegnante per chiedere aiuto. Un insegnante attento può rilevare un cambiamento nel comportamento del bambino.
Quali segni sono indicativi di una sofferenza psichica?
Come aiutare ed intervenire?
Che fare quando ci si rende conto che un bambino è in difficoltà?
Il corso ha la finalità di aiutare gli insegnanti a fronteggiare nel miglior modo possibile le situazioni critiche, a dare il loro contributo nella gestione dei casi difficili e vuole anche fornire agli insegnanti un sostegno all’attività lavorativa quotidiana, alla gestione del bambino difficile o problematico.
Pane, amore e … scuola EDUCAZIONE ALL’AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ
Come rispondere alle domande dei bambini sulla sessualità?
Dal “perverso polimorfo” all’esasperata ostentazione del sesso: come è cambiata la sessualità negli ultimi 100 anni e come incide sullo sviluppo psicologico dei bambini.
L’importanza dell’amore, dell’affetto e della condivisione nello sviluppo armonico del bambino.
Io Bullo, tu? ALLA SCOPERTA DEL BULLO E DELLE STRATEGIE PER DISARMARLO
Il fenomeno del bullismo è ben conosciuto a scuola dalle insegnati e dagli alunni: talvolta il comportamento dei piccoli bulli è talmente assurdo e disarmante che anche gli adulti rimangono spiazzati. L’aggressività, la rabbia e la volgarità del bullo sono pericolose provocazioni a cui è bene opporsi con ferma dolcezza.
Scopo del percorso con gli insegnanti è far luce sulle dinamiche interne al gruppo classe alla scoperta delle strategie per “difendersi” e disarmare il bullo, ovviamente con le buone maniere!

PERCORSI PER I GENITORI
I Percorsi per i Genitori sono rivolti ai genitori di alunni che desiderano confrontarsi con lo specialista e con gli altri genitori sui percorsi di crescita e sull’educazione dei propri figli.

Fai la nanna (genitori di bambini della scuola materna)
Alcuni bimbi non riescono a dormire nel loro letto per tutta la notte, altri fanno una gran fatica ad addormentarsi… Si può imparare a dormire da soli, serenamente, fin dai primi mesi di vita? La risposta è SÌ
Strumenti pratici, psicologia della relazione madre-bambino, tecniche di rilassamento per il bimbo e per i genitori.
I NO che fanno crescere Cosa serve ad un bambino per crescere bene? Amore, ascolto e …. qualche NO ben assestato. Quando dire di NO al proprio bambino e perché. Come fare per resistere alle loro insistenze e manipolazioni!!
Questo percorso intende aiutare i genitori a stabilire dei limiti e farli rispettare ai propri figli nella consapevolezza che il bambino viziato non è bambino felice.
Crescere e studiare Alcuni alunni hanno bisogno dell’aiuto dei genitori per portare a termine i compiti: come aiutarli senza sostituirsi a loro, come accrescere l’autostima e la capacità di apprendere del proprio bambino. Il percorso affronta il tema della crescita e dell’apprendimento, della relazione tra genitore e figlio, della gestione delle richieste d’aiuto e la loro interpretazione.